123

Quando si guardano le fotografie di Alexandre Morelli, si ha la sensazione che la pittura non sia mai così lontana. Si tratta senz'altro di uno dei primi riferimenti che attraversano le nostre menti. Che sia nelle vibrazioni impressioniste della serie "Presbiopia mattutina” o nell’astrazione pittorica dei suoi “Angoli perduti”, la domanda su quale sia il metodo utilizzato è spesso quella che ci poniamo per prima. Tuttavia, tutto nel suo lavoro, è solo e soltanto fotografia.

Alexandre Morelli ha trascorso la sua adolescenza in Marocco. Degli anni marocchini ha conservato il gusto spiccato per le luci vive e per i colori.

Dopo 20 anni trascorsi nella regione parigina (Issy-Les-Moulineaux), oggi vive a Roma.